VINO PURO

In tutte le sue colorazioni, bianco, rosso o rosato, il vino è una delle bevande più amate nel mondo. Non a caso, proprio questa bevanda che abbraccia una gamma di sapori e profumazioni sorprendentemente variegata, ha una storia millenaria che inizia nell’antica Grecia. Proprio in questa meravigliosa e prestigiosa terra, avanguardistica anche per il suo tempo, al vino venne attribuito una vera aura divina, diventando di diritto il  “nettare degli dei”. Insomma una bevanda così importante, prestigiosa e raffinata, da avere il pieno diritto e merito di principiare le mense delle divinità e accompagnare gli abbondanti pasti divini, per conoscere le varietà ed i prezzi di questa bevanda visita il sito https://www.vinopuro.com/it/

Per fortuna il vino, o meglio “il divino”, con gli anni e i secoli, passando per società medievali, moderne, contemporanee e tecnologiche, non ha perso il suo prestigio, l’amore e la venerazione che il “mondo di persone” gli continua a riservare, nonostante di “nettari alcolici” al giorno d’oggi, ce ne siano e come! Il vino continua ad avere un posto nel cuore di tutti.

Inoltre, se proprio dobbiamo dirla tutta, il vino ha dalla sua parte due delle qualità che rispondono meglio alla società odierna. Si, perchè noi siamo la generazione in continua evoluzione, curiosa, mai scontata, che cerca in tutti i modi di evadere da una pressante e soffocante monotonia e quindi il vino ha ben due assi nella manica da offrire: una varietà cromatica che va dai toni chiari a quelli più scuri, che una varietà di profumi e sapori che appaga veramente tutti i palati, dai più fini e sofisticati a quelli più semplici. Non esiste il vino più buono di un altro, esiste il vino che appaga tutti i nostri sensi e le nostre papille gustative, a seconda della singola persona. Anche per le persone attente particolarmente all’ambiente e all’aspetto naturale e puro della bevanda degli antichi Greci, ci sono diverse tipologie di vini biologici che sono, con certificazioni a confermarlo, coltivati senza utilizzo di agenti chimici. Insomma al vino non si può dire “no”, la sua varietà assicura alla bevanda un’ alta percentuale di bevitori.

Dopo aver fatto onore alla storia del vino, la tipologia del vino che più appaga i miei “sensi gustativi” è quella dei vini bianchi. Nel dettaglio, preferisco la produzione di Chardonnay. Il sapore di questa antica e pregiata uva riesce a dare carattere al vino, sia nelle tipologie più fresche e frizzanti che in quelle dal gusto più deciso e strutturato. Buonissimo da accompagnare con cucine dai sapori delicati, pesce e carne bianca. Ma può essere utilizzato, senza sfigurare, anche per un aperitivo leggero, veloce, sfruttando soprattutto le produzioni  che offrono un bouquet fruttato, ottimo per preparare il palato ad una cena gustosa. Per questo lo Chardonnay è uno dei vini che può rientrare nella top ten dei “bevitori” di vini bianchi, perché è capace di accompagnare benissimo ogni tipologia di pasto, ottimo da sorseggiare sia seduti a tavola, in piena quiete e serenità, che all’esterno di un bar in compagnia di amici, per un saluto veloce dopo una lunga e stressante giornata di lavoro.

admin23s!